Cristalloterapia

 

 

 

 

 

La Cristalloterapia, la teoria secondo cui alcuni cristalli possono aiutarci a stare meglio, fonda i suoi presupposti nel fatto che tutti i corpi possiedono un particolare campo energetico e che ogni fenomeno naturale ha come conseguenza l'emissione o l'assorbimento di energia.

E' un antichissimo sistema di guarigione naturale che mira a riportare l'equilibrio enrgetico in una persona.

 

L'essere umano riesce ad assorbire e trasformare le energie attraverso i Chakra (ruote, vortici), centri energetici, che rappresentano le porte di accesso per la corrente energetica e vitale del nostro corpo psichico.

 

La Cristalloterapia è in grado di equilibrare l'energia dei Chakra quando ci si trova di fronte a una disarmonia. Questi fulcri di energia, possono essere positivamente stimolati o sbloccati mediante il posizionamento di specifiche pietre, propiziando così il benessere psicofisico.

 

Le pietre e il loro significato

Le pietre, dette "figlie della terra", da sempre affascinano l'uomo, interi popoli e civiltà, che hanno attribuito ad esse particolari virtùsignificati e poteri magici. Le prime testimonianze scritte ci giungono dall'Egitto, quando nell'antichità il popolo indigeno era solito usarle polverizzate come medicamenti oppure per dipingersi il volto. In India i bambini venivano "battezzati" proprio con le pietre: al neonato era assegnata una pietra che poi lo avrebbe accompagnato e guidato per il resto della sua vita. Gli esperti, oltre ad attribuire ad ogni segno zodiacale un pietra che ne esalta le virtù, ritengono che anche il loro colore abbia un significato particolare. Negli ultimi anni, grazie alla New Age, è andata sviluppandosi una nuova "scienza": la cristalloterapia, che sfrutta la capacità dei cristalli di potenziare ed equilibrare le energie. Taluni ritengono i cristalli "esseri viventi" capaci di filtrare e "pulire" la nostra energia, quindi basterà anche solo portare al collo o tenere nella borsa la pietra che più ci piace o addirittura mangiarla... ma solo se la pietra in questione è il sale!

Ametista

Il nome deriva dal greco e significa "non intossicante" e per questo, nell'antichità, si credeva proteggesse dall'ubriachezza. È anche chiamata la pietra dell'umiltà per la sua capacità di placare l'orgoglio e tradurlo, invece, in riflessione ed introspezione. Riduce la collera ed ha effetti benefici sullo stress da lavoro. Posta sopra altre pietre riesce a purificarle.

 

Corniola

Gli antichi egiziani ritenevano che la pietra fosse sacra ad Iside, la dea che ricompose il corpo di Osiride riportandolo in vita. Quindi la corniola è sempre stata ritenuta come l'energia del sangue, ovvero come quella pietra che dà coraggio ed elimina ogni paura, anche quella della morte, non a caso contiene un'elevata percentuale di ferro. 

 

Ambra

Non è una vera e propria pietra, piuttosto la fossilizzazione della resina di albero. La leggenda vuole che le sorelle di Fetonte (figlio prediletto del dio Apollo), piangenti la triste sorte del loro fratello, fossero trasformate da Zeus in pioppi e le loro lacrime si condensassero in gocce di ambra. L'Ambra ha la proprietà diassorbire la negatività e di favorire la concentrazione, è quindi consigliata soprattutto a chi studia.

 

Ematite

Avete mai fatto caso che strofinando la pietra su una superficie ruvida lascia una sorta di striscia rossa? Ecco perché si chiama ematite, dal greco "ematos", ovverosangue. Infatti, proprio i greci che ritenevano incarnasse il sangue della terra, l'hanno denominata: pietra sanguigna
La pietra ha la proprietà di concentrare in sé la luce dell'universo e manifestarla a livello terreno, questo significa che chi la indosserà vedrà rinvigorire la propria energia, mentale e fisica.

 

Giada

Tra gli antichi, soprattutto gli egiziani ed i cinesi erano coloro che attribuivano a questa pietra diversi poteri, come quello di preservare i corpi dei morti, di portare fortuna ed essere di buon auspicio per la fertilità. In alcune civiltà preistoriche era apprezzata soprattutto per la sua durezza e, quindi, utilizzata per utensili, ostrumenti sacrificali
Sembra possedere il dono di eliminare tutte le energie non pulite e rinvigoriresoprattutto le donne. 

 

Onice

Alcune tribù africane ritenevano che dalla grande esplosione di un minuscolo Onicefosse nato l'Universo. Altre tribù, ancora, la ritenevano un "Sepolcro Sacro" dove stava il mondo dei morti. L'onice è anche definita come la pietra dell'autostima in quanto infonde coraggio ed autostima a chi la indossa. 

 

Quarzo rosa

È anche detta la pietra dell'amore, lenisce, infatti, tutte le pene d'amore e ci fa anche più belle, in tempi lontani si era soliti lasciare nei contenitori per la crema del corpo, delle pietre di quarzo rosa. Addolcisce i sentimenti, lo sguardo e sprigiona le energie positive.

 

Turchese

Uno dei reperti più antichi risale a circa 8000 anni fa ed è un braccialetto di turchesi ritrovato in Egitto dove la pietra era considerata il simbolo dell'aldilà. Iside, una delle dee egiziane più rispettate dagli antichi Egizi, era anche chiamata con il nome di "Signora del turchese". Tra le proprietà della pietra spicca quella di allontanare le energie negative e sviluppare la capacità comunicativa di chi la indossa. 

 

Pietra di luna

Secondo una leggenda indiana la pietra compare sulle rive del mare solo cinque volte all'anno e solo nelle notti di luna nuova. La fortunata fanciulla che ne raccoglierà una riuscirà a sposare un re. 
La pietra è strettamente legata all'universo femminile, alla crescita ed all'evoluzione, è la personificazione della luce che dà vita